Kate Mulgrew e Sex appeal: la verità su Sette di Nove e altri segreti scomodi di Star Trek Voyager |   TG Trek  

Header

lunedì 3 luglio 2017

Kate Mulgrew e Sex appeal: la verità su Sette di Nove e altri segreti scomodi di Star Trek Voyager

Kate Mulgrew, il Capitano Janeway di Star Trek Voyager, interviene alla Comic Con di Denver - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek


Kate Mulgrew, il Capitano Janeway di Star Trek Voyager, ha partecipato alla Comic Con di Denver questo fine settimana.

Durante la sua lunga conversazione con i fan ha toccato argomenti interessanti sul dietro le quinte della serie che l'ha vista protagonista, inclusi i veri motivi che hanno portato Jeri Ryan (7 di 9) ad unirsi al cast.



Erotizzare Janeway? No, grazie!

Alla Mulgrew è stato chiesto, da una giovane donna del pubblico vestita come 7 di 9, quali considera i momenti clou di Voyager.

L'attrice ha risposto in modo molto onesto:

Quel momento è stato quando è arrivata Jeri Ryan. E' stato un momento interessante perché ci sono state delle sfortunate polemiche sul fatto che, alla fine, sia stato per colpa mia. Quando sei il primo capitano femminile, speri che la cosa possa bastare fino a prova contraria. Ma gli uomini amano - come dovrebbero, come fate tutti voi, e io vi amo e vi adoro tutti - amano il sesso. E ne hanno bisogno. E io ho detto "No" ad ogni deriva del mio personaggio sul quel fronte.

Jeri Ryan ha interpretato 7 di 9 in Star Trek Voyager - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek

Ho detto chiaramente che non sarei andata a letto con Chakotay, non sarebbe successo... avrebbe dato tutto un altro significato all' "Ufficio del Capitano". Ho detto che avrebbero dovuto rivolgersi altrove per questo genere di cose, così hanno scritturato una bellissima ragazza che ha interpretato un personaggio fantastico. E sì, ci sono rimasta malissimo perché avevo sperato - come sono sicura avesse sperato Hillary Clinton - che avrei potuto farcela da sola. Quella speranza è sempre viva ma, a quanto pare, abbiamo ancora bisogno di usare il sesso come traino. Quindi quel momento è stato certamente importante.




Ossessionati dall'acconciatura

E' stato chiesto alla Mulgrew quale è stato l'episodio più difficile da girare. Secondo l'attrice si tratta dell'episodio pilota, Il Guardiano, ancora una volta per problemi legati alla femminilità di Janeway.

Il più difficile? Probabilmente i primi due episodi, Il Guardiano. Un duro lavaggio del cervello. Quella maledetta ossessione per i miei capelli. Discussioni infinite sulla mia acconciatura! E non solo i miei capelli: i miei capelli, il mio seno, i miei piedi, il mio girovita. Per la prima volta avevano una donna sulla poltrona del capitano e non sapevano cosa farne. Così era diventato tutto una questione estetica. Quante volte mi hanno cambiato l'acconciatura nei primi sei mesi? Dieci? Ma poi chi si pettina in quel modo nello spazio? Ho cominciato a toccare lo chignon come gesto scaramantico.

Finalmente, alla fine della prima stagione ho detto: riprendetevi il corsetto, le forcine, gli stivali. Datemi un paio di scarpe e lasciatemi interpretare Janeway. Non posso essere il capitano Picard. Naturalmente capivo benissimo che il target della serie era quello di un pubblico maschile tra i 20 e i 35 anni. Lo sapevo. Ma gli uomini non sono stupidi. L'ultima cosa che vogliono vedere è un capitano falso, uno che si atteggi a capitano. Vogliono un personaggio autentico. Quindi, una volta che mi hanno lasciato essere me stessa, gli uomini sono saliti a bordo come fanno sempre.  


Il Capitano Kathryn Janeway della USS Voyager e le sue mille acconciature - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek


Il primo capitano donna sotto osservazione

La Mulgrew ha risposto anche su come sia stata molto sottovalutata e sulle pressioni a cui è stata sottoposta sin dall'inizio.

Tanto per cominciare, sapete tutti che il ruolo di capitano era stato assegnato ad un'altra persona - Genevieve Bujold - una meravigliosa attrice Franco-canadese. È durata solo un giorno!
 
Come conseguenza di quella defezione, per i primi sei mesi di riprese c'è stato uno strano balletto di almeno dieci tizi dell'amministrazione - Paramount, UPN - che si facevano trovare ai bordi del set a braccia incrociate così, e mi fissavano. Mi fissavano e basta. Era un bel po' inquietante. Ma l'ho affrontata come la sfida che in effetti era. E mi sono detta: "Volete giocare a questo gioco? Perfetto, giochiamo e vediamo chi la spunta. E sarò io."

Il Capitano Kathryn Janeway della USS Voyager - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek
Mi resi conto che con l'abbandono di Miss Bujold, se avessi fallito, avrebbero messo nuovamente al comando un uomo. Ho pensato: "No, no, non possono farlo. Semplicemente, non possono farlo, dobbiamo andare avanti." E così è stato. E indovinate chi mi ha portato alla Casa Bianca dopo la fine della prima stagione? Una signora che si chiama Hillary Clinton.


Le passioni di Janeway

Rispondendo ad una domanda su quanto l'attrice Kate Mulgrew condivida la passione per la scienza del suo personaggio, ecco cosa ha risposto:

Posso dire di condividere quella passione. Non tanto perché sia appassionata di scienza ma perché, come Janeway, ho una singola passione molto forte. E probabilmente per lei questa passione si classifica a pari merito con le sue responsabilità di comando. E' sempre stata la curiosità scientifica a spingerla costantemente ad esplorare e cercare di capire.


Proseguendo su questo argomento, Mulgrew ha rivelato che l'idea di introdurre Leonardo da Vinci nella serie come personaggio olografico ricorrente, è stata proprio sua.

L'idea di introdurre da Vinci è stata mia perché ho detto "credo che Janeway si stia irrigidendo un po' troppo". Janeway non è un personaggio piatto, è una donna piena di vita. È piena di fantastiche sfumature che hanno bisogno di essere portate allo scoperto. Quindi affiancatele qualcuno in grado di smussarla. Datele qualcuno di creativo, inaspettato. Datele un artista. Che ne dite di Leonardo da Vinci? Pensavo che fosse grandioso. Pensavo che fosse un'idea fantastica per umanizzarla e umanizzare anche la sua solitudine.


Tra le domande di rito a questi incontri, non manca mai quella sull'episodio preferito. In un primo momento la Mulgrew ha risposto che è troppo difficile sceglierne uno, ma subito dopo ha citato Diritto di morte, per il forte impatto che ha avuto su Janeway.

Quinn (Gerrit Graham) e il capitano Janeway in una scena dell'episodio di Star Trek Voyager Diritto di Morte - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek
È difficile sceglierne uno... abbiamo girato episodi per sette anni, 26 all'anno, quindi è molto difficile distinguerli tutti. Però ci sono episodi che lasciano un segno negli anni e Diritto di morte è uno di questi. Era un dilemma filosofico davvero terribile per un personaggio come Janeway, che ama la vita come scienziato ma certamente anche come capitano. E il nipote di Q arriva da me e mi dice: "Io devo ereditare il Continuum ma non voglio vivere per sempre. Non è mio diritto porre fine a questo ciclo? Non è mio diritto scegliere di avere una fine? ". La questione era posta in un modo così elegante che Janeway alla fine cambia la sua filosofia e vota per mettere fine a quella esistenza. Perché l'eternità sarebbe troppo dura da sopportare.


Amicizia e goliardia sul set di Voyager

Mulgrew ha anche dedicato un po' di tempo a ricordare i momenti più belli e divertenti sul set, sottolineando il rapporto d'amicizia che la lega agli altri attori della serie.

[Amo] Ogni singola scena che ho girato con John de Lancie, persona che adoro. E le amicizie che ne sono scaturite. Bob Picardo è diventato un mio grande, grande amico e lo amo ancora oggi. Robbie McNeill lo stesso. Mi piacevano le scene che ho girato con Tuvok, tutte le scene con tutti quei ragazzi. Naturalmente sono tutte persone dispettose ma c'è ben poco di quei sette anni che non amo, molto poco.


La Mulgrew ha anche confermato che i 'bravi ragazzi' del cast facevano di tutto per farla innervosire.

Alcuni membri del cast di Star Trek Voyager, riuniti nel 2012. Da sinistra: Garrett Wang (Kim), Robert Beltram (Chakotay), Ethan Phillips (Neelix), Robert Duncan McNeill (Paris) e Robert Picardo (Il Dottore). - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek
Alcuni membri del cast, riuniti nel 2012.
Sì. Si tiravano giù i pantaloni, giocavano con le palline di carta, lanciavano il comunicatore. Oh, era una palla alle tre del mattino [dice sarcastica]. Ma si permettevano di farlo perché sapevano come avrei reagito. Quindi direi che era facile, alla ventesima ora di riprese, mentre io parlavo con qualche alieno di chissà quale vortice o buco nero - e dovevo essere impeccabilmente seria - che nel giro di cinque minuti "ffffft" [mima di essere colpita in testa da una pallina di carta]. "Chi è stato?", chiedevo, e non solo non ricevevo risposta ma mi giravo e li trovavo tutti nudi!


Guarda l'intervista

L'intervento integrale di Kate Mulgrew è stato pubblicato online dagli organizzatori della Comic Con di Denver.



Fonte: TrekMovie



Commenta la news di TG TREK sul forum di Star Trek Italia!

Nessun commento :

Posta un commento

Che ne pensi?