Autori di Star Trek Discovery: "Assisteremo ad una scelta cruciale per la Federazione e per l'intero Universo" |   TG Trek  

Header

venerdì 23 giugno 2017

Autori di Star Trek Discovery: "Assisteremo ad una scelta cruciale per la Federazione e per l'intero Universo"

La protagonista della nuova serie Star Trek Discovery Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in tuta spaziale - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek

Dopo una settimana di anticipazioni succulente (come le rivelazioni sul rapporto tra Burnham e Sarek, la prima immagine del Capitano Lorca e l'aspetto delle sale teletrasporto della U.S.S. Shenzhou), è stato pubblicato in versione integrale l'articolo redatto da Entertainment Weekly sulla nuova serie Star Trek Discovery.

Gran parte delle novità sono già state rese note nei giorni scorsi, ma c'è un particolare molto importante - finora non divulgato - che riguarda Michael Burnham e il suo ruolo chiave nella serie.

E qualcosa di grosso bolle in pentola.




Michael Burnham ed il destino dell'Universo

Lo showrunner Aaaron Harberts fa chiarezza su un punto cardine dello show e sul perché la serie si concentri proprio sul personaggio di Michael Burnham (interpretato da Sonequa Martin-Green), descritto come un ufficiale della USS Discovery ma palesemente a bordo della USS Shenzhou, nel trailer mostrato il mese scorso.

Sarek [interpretato da James Frain] gioca un ruolo importante nella vita della protagonista, che è sempre stata molto programmata fino a quando non si ritrova a dover affrontare una scelta difficilissima che la porrà su binari completamente diversi.

Quando incontriamo il personaggio per la prima volta, lei è il Primo Ufficiale della nave Shenzhou. La scelta che affronterà Burnham - a cui alludevo prima - è veramente la più dura che si possa affrontare: avrà ripercussioni su di lei, sulla Flotta Stellare, sulla Federazione, sull'intero universo.

Questa scelta la porterà a servire su una nave differente, la USS Discovery e da quel punto in poi ha inizio quello che Gretchen [Berg, showrunner di DSC - N.d.t.] ed io chiamiamo il nostro secondo episodio pilota.
- Aaaron Harberts


Questa dichiarazione sulle conseguenze di una decisione tali da influire sull'intero universo potrebbero fa rizzare le antenne a tutti quei fan che si domandano come si possa inserire in continuity questa nuova serie di Star Trek.


Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) affronterà una scelta difficile nella nuova serie Star Trek Discovery - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek


Harberts avanza anche alcune considerazioni sul fatto di avere come protagonista il Primo Ufficiale e non il Capitano, come in passato:

Il vantaggio di non averla al comando, per ora, è che così possiamo mostrare certe storie da un punto di vista molto diverso. E' una sensazione nuova perché non saremo tutto il tempo sulla plancia.

Sfrutteremo molti più ambienti dell'astronave.
- Aaaron Harberts



Il Capitano Gabriel Lorca (Jason Isaacs) della U.S.S. Discovery - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek


Questo commento, sul fatto che Burnham non sia il Capitano "per ora", è di sicuro interessante.

Sappiamo che nella visione di Bryan Fuller (lo showrunner originale della serie) l'impostazione di DSC doveva servire a raccontare le storie dal punto di vista dei ponti inferiori ma, non essendo più al timone della serie, è possibile che Discovery evolverà in uno schema più classico per Star Trek, con un protagonista che raggiungerà prima o poi il ruolo di Capitano.


Relazioni conflittuali

Un'altro argomento toccato dall'intervista riguarda il modo in cui la serie resterà fedele alla visione di Gene Roddenberry di una Federazione priva di conflittualità al suo interno.

Sembra che Discovery andrà in tutt'altra direzione, come conferma ancora una volta Aaron Harberts spiegando che la conflittualità è necessaria in una serie fortemente serializzata come DSC:

Stiamo cercando di raccontare storie di una certa complessità, con personaggi che posseggono dei punti di vista molto ben radicati sulle cose e li difendono con passione. Le persone devono pur commettere qualche sbaglio, accadrà anche nel futuro... Quello che stiamo onorando nella visione di Roddenberry è piuttosto il modo in cui si risolveranno queste tensioni.

Quindi, avremo personaggi in conflitto fra loro, li vedremo scontrarsi, ma l'importante sarà vedere come riusciranno a trovare la soluzione ai loro problemi lavorando di squadra.
- Aaaron Harberts


Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) discute animatamente sul ponte della U.S.S. Shenzhou nella nuova serie Star Trek Discovery - TG TREK: Notizie, Novità, News da Star Trek


La conflittualità fra i personaggi è un elemento che conferisce sempre molta drammaticità alle storie, specialmente se si tratta di serie TV moderne e di qualità come si candida ad essere Discovery.

Riguardo alla visione di Roddenberry, va ricordato che l'interpretazione così strettamente pacifica dell'umanità futura da lui immaginata, è in realtà figlia di The Next Generation e del 24° secolo: un secolo prima, a bordo dell'Enterprise originale del Capitano Kirk, i conflitti fra i membri dell'equipaggio c'erano eccome!




Fonte: TrekMovie




Commenta la news di TG TREK sul forum di Star Trek Italia!

Nessun commento :

Posta un commento

Che ne pensi?