Il Comandante Riker NON E' a bordo della U.S.S. Discovery ma della U.S.S. Orville! |   TG Trek  

Header

martedì 16 maggio 2017

Il Comandante Riker NON E' a bordo della U.S.S. Discovery ma della U.S.S. Orville!

Qualche giorno fa Jonathan Frakes - William Riker in The Next Generation - ha pubblicato sul suo account Twitter una foto che lo ritrae su un set decisamente spaziale.

Molti hanno pensato ad un suo coinvolgimento nella nuova serie Star Trek Discovery, ma le cose non stanno così.

L'oblò da cui si affaccia Frakes è effettivamente quello di un'astronave, la U.S.S. Orville, eppure non ha nulla a che vedere con Star Trek! O quasi...











La U.S.S. Orville infatti è l'astronave su cui si svolgeranno le tragicomiche avventure del Capitano  Ed Mercer e del suo equipaggio nella nuova serie The Orville, in onda su FOX, ideata e interpretata dal famigerato autore satirico Seth McFarlane - già autore de I Griffin - coadiuvato dal veterano Brannon Braga in veste di autore e produttore (ruoli da lui già ricoperti ai tempi di The Next Generation, Voyager, Enterprise) e da David A. Goodman (anche lui autore e produttore della serie Enterprise).

I riferimenti a Star Trek sono innumerevoli (tra gli attori principali figura anche Penny Johnson, la Kasidy Yates di Deep Space Nine), e basta dare un'occhiata alle immagini per rendersene conto:







La produzione della serie è partita in concomitanza con quella di Discovery, ed è per questo che alcuni "avvistamenti sospetti" (oltre a quello di Frakes) hanno fatto erroneamente pensare a Discovery. Ad esempio, questa navetta spaziale era stata vista circolare tra le strade di Los Angeles poco tempo fa:



Facile scambiarla per una navetta di Star Trek, ma a quanto pare si tratta di una navetta dell' Unione Planetaria (la controparte della Federazione in The Orville)


Augurando in bocca al lupo a MacFarlane per la sua nuova creatura, godiamoci il trailer di The Orville!




Fonte: TrekMovie




Commenta la news sul forum di Star Trek Italia!

Nessun commento :

Posta un commento

Che ne pensi?