Bridge Crew aggiornato con comandi vocali e IA avanzata |   TG Trek  

Header

venerdì 12 maggio 2017

Bridge Crew aggiornato con comandi vocali e IA avanzata



L' atteso videogame in realtà virtuale Star Trek: Bridge Crew permetterà fino a quattro giocatori di unirsi in partita (locale o via internet) e risolvere missioni a bordo di un'astronave in modalità cooperativa. Nel caso i giocatori fossero meno di quattro, l'intelligenza artificiale occuperà le postazioni vacanti per permettere ai giocatori in carne ed ossa di impartire i comandi tramite interfaccia di gioco.

Oggi Ubisoft ha annunciato che, grazie alla collaborazione con IBM ed il loro software di riconoscimento vocale Watson, sarà possibile impartire ordini all'intelligenza artificiale del gioco verbalmente, proprio come si farebbe con un qualsiasi giocatore umano.




Il direttore creativo dello studio Red Storm, che sta sviluppando il gioco, ha dichiarato:

Volevamo fortemente trovare il modo giusto per integrare il riconoscimento vocale in un' eperienza di gioco virtuale che fosse il piú immersiva ed interattiva possibile. Il sistema Watson permette ai Capitani di Star Trek: Bridge Crew di impartire gli ordini ai giocatori non umani esattamente come ai giocatori umani, ovvero solo con la voce. IBM ci ha fornito una soluzione basata sul cloud, quindi non impegnativa in termini di risorse e di integrazione col codice che ci permette di muoverci velocemente, anche in caso di aggiornamenti dell'ultim'ora.


Il supporto alla nuova funzione di riconoscimento vocale partirà in beta questa estate, dopo la pubblicazione del gioco prevista il 30 maggio. Ovviamente, per chi preferisce giocare con meno persone o anche da soli, si tratta di un aggiornamento non da poco.


Nel frattempo Ubisoft ha rilasciato un nuovo video, questa volta a dimostrazione della resa grafica del gioco, con dettagli fisici settati al massimo, su macchine con processori Intel Core i7.





Fonte: TrekMovie


Commenta la news sul forum di Star Trek Italia!

Nessun commento :

Posta un commento

Che ne pensi?